LATTE: COLDIRETTI, BASTA CON LE PRESE IN GIRO
7 maggio 2013

LATTE: COLDIRETTI, BASTA CON LE PRESE IN GIRO

“Siamo profondamente insoddisfatti circa l’esito dell’audizione di questa mattina avvenuta presso la commissione Agricoltura in relazione al problema legato alla consegna del latte di alcune cooperative della provincia di Frosinone”.
Questo il commento amaro del direttore di Coldiretti Lazio, Aldo Mattia, al quale si associano sia il presidente che il direttore della sede ciociara di Coldiretti, Vinicio Savone e Paolo De Cesare.
“La proroga di un mese che è stata concessa –spiega ancora Mattia– rappresenta un contentino che non serve ai produttori, alle proprie famiglie e ad un indotto che continua ad essere inevitabilmente penalizzato. Coldiretti prende atto dell’impegno che la Centrale del Latte  ha voluto dimostrare, ma invita ad un esame più complessivo della questione anche in vista del rinnovo del prezzo del latte”.
In relazione alla convocazione della Commissione qualche sassetto dalle scarpe dei dirigenti non fa fatica ad uscire. “Crediamo che il tavolo di confronto per questi temi non sia certo quello della Commissione Agricoltura, forse poco adatto ed esperto in materia, ma dell’assessorato alle politiche agricole – chiosa Mattia – dove chiediamo in tempi relativamente brevi si possa avviare un confronto serio e pragmatico alla presenza dei rappresentanti delle organizzazioni agricole che rappresentano le aziende del territorio. Il tavolo di discussione con i referenti della Centrale del Latte di Roma oltre, infatti, ad affrontare la questione dell’ammissione delle cooperative dovrà, infatti, avviare una concertazione per il prezzo da conferire ad ogni produttore analizzando anche gli scenari legati alla recente sentenza per quanto riguarda la proprietà”.
La proroga di un mese rappresenta un'agonia per le aziende che Coldiretti stigmatizza con vigore. “Gli allevatori non vanno presi in giro -conclude Mattia - ma tutelati per l’importante attività che assicura quotidianamente un prodotto sano, di provenienza certa e rintracciabile realizzato con passione, sacrificio ed abnegazione. Inutile convocare tavoli in consessi poco opportuni che risultano infruttuosi con presenze monche, magari per il solo desiderio di dimostrare un attivismo che nella sostanza sembrerebbe produrre davvero poco”.

Seguici su Twitter Coldiretti Lazio

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi