LISI:  ANCORA AUMENTI DEI COSTI PER GLI IMPRENDITORI AGRICOLI
9 dicembre 2010

LISI: ANCORA AUMENTI DEI COSTI PER GLI IMPRENDITORI AGRICOLI

“I costi a carico degli agricoltori sono aumentati del 3,9% rispetto al 2009. Anche su questi dati credo opportuno porre in essere una riflessione”. Ad affermarlo Gianni Lisi che commenta i dati Ismea relativi al mese di ottobre. “In Ciociaria continua a sentirsi la crisi anche nel settore primario – ha detto ancora Lisi – Registriamo, tramite i nostri uffici, ogni mese continua lamentele circa l‘aumento dei prezzi e ora, grazie ad Ismea, le preoccupazioni purtroppo diventano certezze. Un vero e proprio boom dei prezzi si registra per i mangimi, rincarati del 13,6 per cento. Più leggero l’aumento per i prodotti energetici (+4,6%, con punte del 5,3% per la voce energia elettrica e del 5,1% per i carburanti). In controtendenza il capitolo degli animali da allevamento, i cui prezzi sono diminuiti dell'1,8% rispetto all'analogo periodo del 2009. Per i concimi si rileva poi un aumento dello 0,7% su base tendenziale, attribuibile in particolare ai rincari degli azotati e dei fosfatici. Per le restanti voci di spesa, antiparassitari, salari, sementi, spese per assicurazioni e emolumenti a terzi, non si registrano variazioni di rilievo, ad eccezione dei salari e delle sementi che evidenziano una crescita su ottobre 2009 rispettivamente del 2% e del 1,5%. Insomma continua il periodo nero e diventano sempre più importanti le riforme strutturali per le imprese che scontano un trend particolarmente negativo e che continuano a reclamare attenzioni diverse dalle Istituzioni. Coldiretti ha da tempo predisposto una serie di punti per i quali attende risposte certe e determinate. Anche le condizioni atmosferiche dell’ultimo periodo tengono in ansia gli imprenditori agricoli. Se l’intensificarsi dei fenomeni temporaleschi allarma le aree già colpite dalle alluvioni, nelle campagne della provincia di Frosinone è forte la preoccupazione perchè nei campi bagnati non si riesce a seminare nei tempi utili per le coltivazioni ed a rischio c’è sopratutto - conclude il direttore della Coldiretti Gianni Lisi - la semina del grano, ma difficoltà si registrano anche per la raccolta delle olive, l’invasatura delle piante nei vivai e lo spandimento dei reflui ad uso agronomico nei terreni nelle zone di allevamento”.

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi