OGM: COLDIRETTI LAZIO E ROMA DAVANTI A MONTECITORIO IN DIFESA DEL CIBO ITALIANO
20 giugno 2013

OGM: COLDIRETTI LAZIO E ROMA DAVANTI A MONTECITORIO IN DIFESA DEL CIBO ITALIANO

Sono arrivati da ogni angolo della regione per far sentire la propria voce i circa 200 iscritti di Coldiretti Roma e Lazio, per unirsi alla task force “Liberi da Ogm” e chiedere al Governo di esercitare la clausola di salvaguardia che vieterebbe la messa a coltura di piante biotech. Un provvedimento adottato già da 8 Paesi europei (Francia, Germania, Lussemburgo, Ungheria, Grecia, Bulgaria, Polonia, Austria), che in Italia e' già stato sollecitato da tutti i gruppi parlamentari al Senato con una mozione votata all'unanimità.

“Siamo scesi in piazza per dire che è arrivato il momento di chiarire definitivamente la vicenda legata all’utilizzo degli Ogm– hanno detto il Presidente e il Direttore di Coldiretti Roma e Lazio, David Granieri e Aldo Mattia - e quella di oggi è stata l’occasione per spingere l’acceleratore su una questione sulla quale cittadini, agricoltori, rappresentanze economiche e sociali, Regioni ed il Parlamento si sono espressi già da tempo”.
“Settantasei Italiani su cento- hanno proseguito Granieri e Mattia-  si sono detti contrari a semine biotech. Un trend che, per giunta, nell’ultimo anno ha fatto registrare un aumento del 14% rispetto all’anno precedente. Questo dato, espressione del pensiero popolare, ci dice che stiamo andando nella direzione giusta. Non possiamo permetterci il lusso di fare scelte sbagliate, come quella dell’utilizzo di OGM, che metterebbero a rischio un patrimonio troppo prezioso per noi come gli ecosistemi e l’intera economia agricola. Quella di oggi era una manifestazione necessaria anche per lanciare un segnale rispetto a provocazioni come quella attuata in Friuli, con la semina di mais geneticamente modificato che lo stesso Ministro delle Politiche agricole, Nunzia De Girolamo, ha subito chiarito essere illegale”.
Coldiretti Lazio e Roma, da sempre sono in prima linea per garantire un’agricoltura ed un territorio liberi da ogni forma di inquinamento, anche genetico e per salvaguardare il patrimonio agroalimentare tradizionale e di qualità contro il rischio, per i coltivatori, di perdere la fiducia dei consumatori.

Seguici su Twitter Coldiretti Lazio

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi