SINDACALE
16 gennaio 2015

SINDACALE

Coldiretti Rieti sollecita la Regione per l'approvazione della legge sulla fauna selvatica

Dopo l'incontro del 12 novembre 2014 che si è svolto presso la Sala Mechelli del Consiglio Regionale del Lazio, alla presenza di oltre cento sindaci provenienti da tutta la regione, organizzato per sollecitare l’Assemblea legislativa regionale ad approvare la proposta di legge 116/2013 Coldiretti torna prepotentemente a far sentire la sua voce. La legge, già passata al vaglio delle competenti commissioni consiliari, è fondamentale per dare una risposta alle centinaia di imprese agricole che ogni anno vedono seriamente messa a rischio la propria attività, dai danni causati dalla fauna selvatica ed in particolare dai cinghiali. Coldiretti sollecita il rispetto degli impegni presi e cioè di portare la legge in aula per l'approvazione entro il mese di gennaio per garantire un sistema organico di interventi diretti alla tutela, alla gestione e al controllo delle specie di fauna selvatica presenti sul territorio; alla prevenzione e al risarcimento dei danni; alla pianificazione delle attività faunistico venatorie. “In particolare - dichiara Gabriel Battistelli, direttore della Coldiretti di Rieti - è fondamentale che la legge regionale sia approvata in fretta per rafforzare la capacità di intervento di tutti gli Enti preposti per quanto riguarda le modalità di accertamento e riconoscimento dei danni evitando la dilatazione dei tempi che non coincidono mai con quelli dell’impresa. La nuova norma deve prevedere la possibilità di revisionare i piani faunistici rivedendo la delimitazione territoriale con fasce di tollerabilità a seconda della destinazione d’uso e vocazione. Inoltre occorre prevedere adeguati indennizzi per i danni causati dagli animali selvatici stabilendo tempi certi e il risarcimento del 100% dei danni, rendendo disponibili strumenti di indennizzo alternativo come le assicurazioni utilizzando una quota della tassa di concessione per la caccia per coprire i danni da fauna selvatica e incentivando la stipula di contratti assicurativi da parte di Cd e IAP. È utile ricordare la gravità dei danni arrecati ad opere, manufatti, colture e allevamenti che ogni anno costano al settore agricolo circa 3 milioni di euro di perdite. I danni causati da fauna selvatica – prosegue Battistelli - interessano centinaia di imprese agricole della nostra provincia, stanno mettendo a rischio non solo l’esistenza di singole aziende che vedono il lavoro di mesi andare distrutto nel corso di una sola notte con gravi ripercussioni soprattutto sull’allevamento di animali, ma anche la sostenibilità di un modello di sviluppo quale è quello attuato dall’agricoltura reatina e laziale. In gioco – Conclude Battistelli - non c’è solo il reddito e quindi la sopravvivenza delle imprese agricole ma la vitalità stessa dei territori all’interno dei quali le stesse operano. Le imprese agricole attendono soluzioni e interventi che garantiscano il sacrosanto diritto ad esercitare la propria attività nel rispetto dell’ambiente e della fauna, anche selvatica che lo popola. L’approvazione della proposta di legge regionale rappresenterebbe un importante passo in questa direzione, tanto più se l’attività agricola significa anche permettere all’agricoltura di continuare a dare risposte ai cittadini consumatori in termini di qualità alimentare, qualità ambientale e coesione sociale oltre che salvaguardia del territorio, della bellezza e della cultura identitaria della nostra regione”.

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi