Vertenza Latte
1 dicembre 2012

Vertenza Latte

 Si è svolto nei giorni scorsi, presso la sede della Coldiretti ciociara, un importante incontro con le cooperative operanti nel settore lattiero caseario in relazione alla vertenza latte.Oltre a Vinicio Savone e Paolo De Cesare, rispettivamente Presidente e Direttore della Coldiretti di Frosinone, all'incontro hanno partecipato Gino Trotto, Presidente di ConfCooperative Frosinone, Daniele Del Monaco, Presidente di LegaCoop Frosinone, Mauro Paris, Presidente della Cooperativa San Marino, e Sebastiano Battaglini, Presidente della Cooperativa Ciociara Produttori Latte.L'incontro era stato fortemente voluto dalla Coldiretti, preoccupata di esaminare tutte le strategie per un rilancio del settore lattiero caseario in grado di dare risposte agli allevatori ciociari.Oggi la situazione è assolutamente insostenibile, con un prezzo riconosciuto agli allevatori che non copre neanche i costi di produzione e oltre il 50% di stalle chiuse negli ultimi cinque anni.Infatti, a fronte dei continui aumenti dei costi, soprattutto quelli per l'energia e per i mangimi, non corrisponde un aumento del prezzo di vendita, anzi il prezzo è in diminuzione rispetto allo scorso anno.Oggi agli allevatori viene pagato un prezzo che va dai 41 centesimi al litro, riconosciuti dalla Centrale del Latte di Roma, ai 35/36 centesimi al litro pagati da alcuni caseifici locali, e in alcuni casi i prezzi sono ancora inferiori: in pratica costa più un litro d'acqua che uno di latte! Coldiretti ha invitato le cooperative a non sottoscrivere contratti di fornitura con prezzi al ribasso, indicando quale Tavolo delle trattative quello costituito presso l'Assessorato Regionale all'Agricoltura e puntando ad una azione di valorizzazione e riconoscibilità delle produzioni locali. "È importante fare fronte comune - ha dichiarato il Presidente Savone - per un piano di rilancio del settore, anche nell'interesse dei consumatori, che troppo spesso sono confusi da una etichettatura ingannevole che spaccia per italiani latte e formaggi realizzati con prodotto proveniente dall'estero". "Le cooperative devono dare risposte agli associati in termini reddituali - ha aggiunto il direttore De Cesare - ed è ora anche di superare antichi campanilismi che producono solo divisioni e debolezze". Probabilmente sarebbe auspicabile intraprendere un cammino comune verso la costituzione di un unico consorzio tra le cooperative esistenti, in modo sia di fornire servizi agli associati che di ottenere un maggior potere contrattuale verso la parte industriale.Il Presidente Savone ha concluso dichiarando che Coldiretti comunque continuerà la vertenza, eventualmente con manifestazioni e anche predisponendo presìdi davanti ai caseifici che non utilizzano il prodotto locale.

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi