Vertenza latte
10 maggio 2010

Vertenza latte

“Il latte oggi viene pagato meno di venti anni fa. Tutto quanto non è possibile e non è più tollerabile. Occorre divenire protagonisti della filiera ed i nostri imprenditori sono pronti a farlo, intendono metterci la faccia con noi”. A parlare è Gianni Lisi che lancia anche in Ciociaria la vertenza latte che come sede Coldiretti regionale vedrà una mobilitazione forte il prossimo 18 maggio a Roma nei confronti della Centrale del Latte dove va a finire una percentuale elevata del latte ciociaro. Se l’atteggiamento della Centrale del Latte di Roma non cambia l’organizzazione più rappresentativa in Ciocioaria e nel Lazio oltre che in Italia e in Europa lancia anche una provocazione. Provare ad acquistare la Centrale non per lucrare ma per far rispettare i sacrifici dei produttori che con passione, abnegazione e con qualità lavorano intensamente, da sempre ogni giorno (festivi compresi). “Per provare a percorrere questa strada, ovviamente, - continua Lisi - chiediamo aiuto anche alle istituzioni”. Infatti nella compagine della Centrale del Latte ad oggi, per esempio, esiste già il comune di Roma (oltre il 6% di quota) ma pure la Regione Lazio e la Provincia di Roma  posseggono delle quote minoritarie. “Noi siamo disposti ad acquistarla la Centrale per continuare il processo di trasparenza, sicurezza alimentare e rintracciabilità e anche per dare dignità agli sforzi dei produttori ciociari e laziali. L’obiettivo è prestigioso e difficile ma non impossibile. D’altronde così i produttori non possono andare avanti”. Il problema principale resta quello di un contratto che da anni, ormai, purtroppo, penalizza i produttori che non sono attori della discussione ma che, inevitabilmente, subiscono quanto scaturisce da trattative sempre più in negativo per gli allevatori. Quest’anno, per esempio, ai produttori arriva un centesimo e 70 meno dell’anno scorso. “E’ inaudito che per ogni litro messo in vendita a oltre 1 euro e 60 agli imprenditori arrivino solamente 0,35 centesimi per litro. Una miseria davvero, venti anni fa si guadagnava di più. Così neppure si coprono i costi di produzione. La situazione non è tollerabile e siamo pronti a manifestazioni eclatanti. Nel Lazio  i soci Coldiretti sono oltre 32.000, in Ciociaria più di 10.000; di questi circa 1.000 producono il latte arrivando ad una quantità di oltre 402.000 quintali senza considerare l’indotto .Coldiretti si è organizzata a Frosinone e nel Lazio come Unci, per aggregare le cooperative e le associazioni per fare un progetto comune di vendita diretta, di valorizzazione e di rilancio del settore primario. “Le risposte di Campagna Amica con i mercatini – ha concluso Lisi - rappresentano una scelta apprezzata e condivisa dai cittadini consumatori che nella provincia di Frosinone, così come nel resto della Regione, sono della nostra parte e intendono contribuire per la nostra mobilitazione”.

Seguici su Twitter Coldiretti
Seguici su Twitter Coldiretti Lazio
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi