Coldiretti Viterbo alla Giornata Nazionale dell’Agricoltura
15 settembre 2015

Coldiretti Viterbo alla Giornata Nazionale dell’Agricoltura

 Coldiretti Viterbo comunica che è per la prima volta dal dopoguerra  che viene tagliata la fiscalità in agricoltura, un peso cresciuto nel tempo che ostacola la sfida competitiva che hanno lanciato le nostre imprese in Italia, in Europa e nel mondo. E’ quanto ha affermato il presidente della Coldiretti Roberto Moncalvo nel commentare gli interventi annunciati dal presidente del Consiglio Matteo Renzi sul taglio di Irap e Imu agricola ieri all'incontro milanese che ha visto la partecipazione di  Coldiretti Viterbo con una delegazione di 200 soci, il presidente Mauro Pacifici, il direttore Ermanno Mazzetti e altre autorità delle istituzioni locali e Presidenti di cooperative del settore agroalimentare.
“Un intervento atteso e da noi fortemente sollecitato che - ha sottolineato Moncalvo - consente alle imprese agricole italiane di recuperare importanti risorse per gli investimenti finalizzati all’innovazione e alla crescita dell’occupazione in un settore particolarmente dinamico come l'agroalimentare Made in Italy”. L’abolizione dell’Imu sui terreni, secondo la Coldiretti, investe una platea di circa 3 milioni 175 mila soggetti solo nei comuni di pianura (per un ammontare di imposta pari a 550 milioni di euro). Lo sgravio riguarda, inoltre - continua la Coldiretti - i contribuenti possessori di terreni situati nei territori montani e collinari che dal 2014 non hanno più beneficiato dell’esenzione, per un ulteriore ammontare di 260 milioni di euro. L’abrogazione dell’Irap in agricoltura - continua la Coldiretti - riguarda invece oltre 400 mila imprese “produttive” (il 10 per cento circa di tutti i contribuenti Irap), che attualmente sono gravate complessivamente per circa 200 milioni di euro all’anno. Lo sgravio dell’Irap per le imprese agricole - continua la Coldiretti - è fondamentale per il settore, considerando che le disposizioni di detassazione della componente lavoro a tempo indeterminato per tutti i settori produttivi ha poco inciso sull’agricoltura, “tipicamente” caratterizzata dalla prevalenza di lavoratori stagionali per il 90 per cento.
“L'incontro con il Premier avvenuto ieri all'Expo, è stato un momento importante per tutta l'agricoltura: ha ridato lustro e importanza a un settore che negli anni non è rimasto indietro ma ha seguito gli aggiornamenti e cavalcato i tempi rimanendo ancora oggi uno dei settori più significati per il Made in Italy senza rinunciare alle tradizioni” ha affermato il Presidente di Coldiretti Viterbo Mauro Pacifici. “Renzi oltre a sottolineare i pregi del lavoro della terra ha riconosciuto il lavoro della nostra Federazione e di questo siamo orgogliosi e continueremo a dare il nostro meglio a soci, consumatori e cittadini tutti” ha concluso Ermanno Mazzetti, direttore di Coldiretti Viterbo.

Seguici su Twitter

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi