7 Febbraio 2020
COLDIRETTI VITERBO: CONSORZIO DI BONIFICA RETRIBUIRE GLI AGRICOLTORI PER LA MANUTENZIONE DI ALCUNE AREE EVITANDO BUROCRAZIA E SPRECHI

“Retribuire e sostenere gli agricoltori affidando loro alcuni servizi di manutenzione del territorio svolti dal Consorzio di bonifica consentendo così un risparmio sui costi di gestione dell'ente”. La proposta prende spunto dalla legge sulla multifunzionalità in agricoltura e arriva dalla federazione di Coldiretti Viterbo. Obiettivo: mettere in pratica un accordo concreto tra il mondo agricolo e la futura gestione del Consorzio sfruttando le possibilità offerte da quella che rappresenta, di fatto, una forma di collaborazione diretta tra la pubblica amministrazione e gli agricoltori. Una opportunità, secondo Coldiretti Viterbo.

I consorzi di bonifica, come molti enti pubblici, hanno costi importanti di gestione soprattutto legati, nel caso specifico, al parco mezzi. Questi costi, secondo la federazione di Coldiretti Viterbo, possono essere abbattuti proprio grazie agli agricoltori che avrebbero così una possibilità di guadagno. “Parliamo di un progetto concreto - spiega Coldiretti Viterbo - già applicato in molte zone del territorio nazionale, frutto di una legge che esiste ormai da molti anni. Gli agricoltori possono dimostrare, ancora una volta, di rappresentare una opportunità per questa zona e per il Consorzio che potrebbe abbattere i costi e i tempi di una gestione burocratica ottenendo un servizio di altissimo livello e immediato. Di più: agli agricoltori verrebbe data la possibilità di svolgere un lavoro recuperando, ad esempio, i costi della tassa di bonifica. Il cambio di passo legato alla gestione degli enti pubblici può dipendere anche da questo tipo di accordi in cui il mondo produttivo, il più importante della nostra regione, può avere un ruolo da protagonista. Un aspetto che Coldiretti Viterbo intende rimarcare e che inserisce la figura nei nostri agricoltori anche in un contesto educativo di impegno e lavoro per valorizzare, salvaguardare e tutelare l'ambiente che ci circonda e, in questo caso, la risorsa idrica. Ecco perché la multifunzionalità è una sfida che non possiamo perdere e che dobbiamo rilanciare soprattutto in questo momento”.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi