GIORNATA DEL RINGRAZIAMENTO
28 novembre 2011

GIORNATA DEL RINGRAZIAMENTO

Civita Castellana: sabato in piazza con i bambini e domenica in duomo la Giornata del Ringraziamento

A Civita Castellana grande festa sabato e domenica per rafforzare il felice connubio tra  il mondo agricolo, la scuola e la società. Con il patrocinio del comune, sabato mattina in piazza Matteotti, è stata allestita una fattoria didattica e a partire dalle 9.30, più di 400 bambini delle scuole primarie sono stati coinvolti in attività e nella visita guidata agli animali. I produttori si sono messi a disposizione per raccontare e raccontarsi, hanno spiegato tutte le fasi del processo di produzione del formaggio e della ricotta, del pane e del cioccolato con cui è stata offerta, alla fine del percorso didattico, la merenda unitamente al latte fresco, agli yogurt e alle caldarroste. Si è così voluta dare una informazione sulle modalità con le quali si producono alimenti tipici del territorio, genuini e sani, base per la corretta crescita. Domenica l'ormai tradizionale manifestazione in Duomo celebrata da S.E. Mons. Romano Rossi che nell'omelia ha rimarcato il ruolo degli imprenditori agricoli e ha sottolineato il momento di coesione che deve essere la leva per tutta la comunità. La benedizione dei trattori presenti in piazza Duomo, che sono e resteranno uno dei simboli dell’agricoltura, ha chiuso la prima parte della giornata resa più bella dal clima mite. I vari problemi del settore, per un giorno, sono stati messi da parte per lasciare spazio alla preghiera e alla riflessione e infine al gusto. I soci e i dirigenti della Coldiretti si sono poi ritrovati a pranzo dove sono stati serviti piatti con soli prodotti del comprensorio per ribadire ancora una volta che occorre valorizzare e promuovere ovunque le nostre eccellenze perché anche questo è un modo di fare impresa. “Da una parte la nostra organizzazione è impegnata nel delicato progetto di tutela e valorizzazione del vero “Made in Italy” agroalimentare, dall’altra si stanno intensificando i rischi di contraffazione e concorrenza sleale verso i prodotti nazionali. Dobbiamo essere pronti – ha detto Leonardo Michelini, Presidente Provinciale Coldiretti Viterbo - a mostrare la nostra indignazione per proteggere la nostra identità agroalimentare nazionale dagli attacchi vergognosi che arrivano dall’estero, e purtroppo anche a volte dal nostro paese come dimostra il caso Simest”.

Seguici su Twitter Coldiretti Lazio

Seguici su Facebook

Facebook By Weblizar Powered By Weblizar
Copyright 2018 COLDIRETTI. Tutti i diritti riservati.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi