14 Dicembre 2023
Nucleare, Coldiretti Viterbo: ennesimo sfregio alla Tuscia dopo pannelli fotovoltaici a terra e pale eoliche

NUCLEARE, COLDIRETTI VITERBO: ENNESIMO SFREGIO ALLA TUSCIA DOPO PANNELLI FOTOVOLTAICI A TERRA E PALE EOLICHE

“Non è possibile pensare di dislocare 21 aree delle 51 individuate a livello nazionale, tutte in un’unica regione e addirittura in un’unica provincia. Questo significa distruggere la Tuscia, un territorio già fortemente compromesso dalla presenza di pannelli solari a terra e pale eoliche. Non lo permetteremo”. Così la presidente di Coldiretti Viterbo,Maria Beatrice Ranucci, in merito alla pubblicazione da parte del ministero dell’Ambiente e della Sicurezza Energetica della Carta Nazionale delle Aree Idonee (Cnai), elaborata da Isin e Sogin, che individua in Italia le aree idonee alla realizzazione del Deposito nazionale dei rifiuti radioattivi e il parco tecnologico.

Le 21 aree individuate nel Lazio si trovano tutte nel Lazio e solo nella Tuscia. “Una scelta dannosa per l’agricoltura – aggiunge Ranucci – che a Viterbo e provincia ospita produzioni di pregio e per lo sviluppo di un territorio a forte vocazione turistica, come è quello della Tuscia. Ricco di storia e cultura. Ci siamo fortemente opposti fin dall’inizio a questa scelta e continueremo a farlo”. 

Da non trascurare neanche il problema del consumo di suolo che nella Tuscia ha già raggiunto oltre 16.600 ettari consumati sono. Secondo i dati Ispra, proprio a Viterbo e provincia è presente il 78,08% di pannelli solari e centrali eoliche del Lazio, che fanno collocare Viterbo al quinto posto in Italia per produzione di energia solare. Solo negli ultimi 12 mesi il consumo di suolo nel Lazio è stato di 485 ettari, di cui 103 a Viterbo e provincia.

“Ad essere compromessa è la forte vocazione – prosegue Ranucci - non solo agricola e agroalimentare, ma anche turistica di un territorio espressione di un patrimonio ricco di tradizioni. Nelle aree interessate dalla realizzazione dei depositi dei rifiuti e dei nuovi impianti fotovoltaici a terra e pale eoliche, sono presenti produzioni di pregio con denominazione di origine e indicazione geografica”. Tra queste troviamo labbacchio romano Igp o lagnello del Centro Italia Igp; la nocciola romana Dop; il vitello bianco dellAppennino centrale Igp; lOlio extravergine di Olivia Tuscia Dop; lIgp Olio di Roma; il Pecorino Romano DOP e il Pecorino Toscano Dop; i salamini italiani alla cacciatora Dop; i vini Doc Colli Etruschi Viterbesi ed Est! Est!! Est!!! di Montefiascone; la lenticchia di Onano Igp e lasparago verde di Canino Igp, che è la denominazione numero 30 fra le Dop e Igp del cibo per il Lazio. 

Proprio nelle scorse settimane Coldiretti Lazio ha scritto alla Regione per chiedere un confronto urgente volto ad avviare interventi immediati e risolutivi per arginare il problema relativo allulteriore installazione a Viterbo di impianti fotovoltaici a terra e pale eoliche, che stanno continuando a deturpare il territorio, mettendo a rischio il futuro delle aziende agricole e dei posti di lavoro che queste garantiscono. “Ora – conclude Ranucci - ci troviamo a dover affrontare un’ulteriore sfregio a questo territorio. Come se non fosse già ampiamente minacciato dalle fonti di energia rinnovabile che consumano suolo agricolo produttivo”. 

Viterbo è la prima provincia del Lazio per presenza di pannelli solari, e la superficie occupata dal fotovoltaico a terra è pari al 50% della Superficie Agricola Utilizzata (SAU), con oltre 950 ettari. Non solo, la provincia è in testa anche alla produzione da impianti eolici con 133,3 Gwh pari al 90% dellintera regione. Sono già presenti centinaia di pale eoliche alte 250 metri e la Tuscia è stata scelta anche per sperimentare le nuove pale eoliche alte 300 metri.

.
Follow me on Twitter
This error message is only visible to WordPress admins

Error: No feed found.

Please go to the Instagram Feed settings page to create a feed.

Aprile: 2024
L M M G V S D
1234567
891011121314
15161718192021
22232425262728
2930  
Archivi

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi