30 Marzo 2021
PASQUA: COLDIRETTI VITERBO, UOVA STAR IN TEMPI COVID CON BALZO DELLE VENDITE DEL 15% 

Si registra a Viterbo un balzo record del 15% negli acquisti delle uova, che sono le vere star del carrello nel tempo del covid, tradizionalmente protagoniste della Pasqua degli italiani.  Una crescita che si registra anche a livello nazionale. E’ quanto emerge dall’indagine Coldiretti/Ixe’ presentata in occasione della sfilata dei dolci regionali di Pasqua al mercato degli agricoltori di Campagna Amica del Circo Massimo a Roma e le lezioni degli agrichef, per aiutare gli italiani a restare a casa senza rinunciare alla buona tavola. 

“Le uova rappresentano un’eccellenza del nostro territorio - spiega il presidente di Coldiretti Viterbo, Mauro Pacifici - anche per quanto riguarda le uova bio. L’attenzione al benessere animale è sempre stata molto alta e lo rappresenta il fatto che non abbiamo allevamenti in gabbia, ma all’aperto e a terra. Il nostro è un comparto economico che si è evoluto in circa 20 anni con il sacrificio di imprenditori capaci, che sono riusciti a creare anche realtà imprenditoriali a conduzione familiare, generando un indotto lavorativo che attualmente occupa circa 700 persone”. 

Sode per la colazione, dipinte a mano per abbellire le case e le tavole apparecchiate, ma soprattutto impiegate in ricette tradizionali o in prodotti artigianali e industriali saranno circa 400 milioni le uova “ruspanti” consumate durante la settimana Santa, secondo le stime di Coldiretti a livello nazionale. Con l’aumento della domanda, diventa sempre più importante garantire la trasparenza ed è importante conoscere le informazioni del codice alfanumerico applicato sul guscio, che riguarda la provenienza dell’uovo e i metodi allevamento adottati. 

Il primo numero consente di risalire al tipo di allevamento (0 per biologico, 1 all’aperto, 2 a terra, 3 nelle gabbie), la seconda sigla indica lo Stato in cui è stato deposto (es. IT), seguono le indicazioni relative al codice Istat del Comune, alla sigla della Provincia e, infine il codice distintivo dell’allevatore. 

A queste informazioni si aggiungono quelle relative alle differenti categorie (A e B a seconda che siano per il consumo umano o per quello industriale) per indicare il livello qualitativo e di freschezza e le diverse classificazioni in base al peso (XL, L, M, S). 

L’usanza di considerare l’uovo come simbolo di rinascita e buon augurio in Occidente risale al 1176, quando re Luigi VII rientrò a Parigi dopo la II crociata e per festeggiarlo il capo dell’Abbazia di St. Germain des Près gli donò metà dei prodotti delle sue terre, incluse un gran numero di uova che furono poi dipinte e distribuite al popolo. Una usanza tramandata dai persiani che, già cinquemila anni fa, festeggiavano l’arrivo della primavera con lo scambio delle uova “portabene” contro pestilenze e carestie secondo un rito che resiste ancora ai giorni nostri.

Continuando con la navigazione in questo sito, accordi l'utilizzo dei nostri cookie. Approfondisci

Le impostazioni dei cookie in questo sito sono impostate su "permetti cookie" per permettere la migliore esperienza di navigazione possibile. Se continui l'utilizzo di questo sito senza cambiare le impostazioni del tuo browser o se clicchi su "Accetto" confermai l'autorizzazione di tali cookie.

Chiudi